Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
SARAH CONNOR MUST DIE
Rap

On Fleek Selecta: CINZIA



Eccoci con un nuovo episodio di On Fleek Selecta, la rubrica curata da On Fleek e Gold, nella quale trattiamo di dischi rap che abbiamo ascoltato ma non abbiamo approfondito all’interno di On Fleek – The Rap Talk Show.

Così come nell’ultimo episodio, siamo in Italia, anche se ci spostiamo da Milano e andiamo a Ostia, per parlare dell’ultimo lavoro di Rasty Kilo, “CINZIA”, dedicato alla madre del rapper e annunciato da un breve documentario uscito su Noisey poco prima del drop del disco, che ci ha fatto salire di molto l’hype.

Rasty Kilo è dal 2009 una presenza importante del rap italiano, da quando militava nel gruppo RapCore insieme a Truth, Dr. Cream e soprattutto Deal Pacino, altro MC che si è costruito un nome a forza di mixtapes e collaborazioni di alto livello.

Dal 2015 in poi, si è fatto portabandiera del genere grime italiano, risultando estremamente portato per il ruolo e credibile nei testi e nel suono, grazie anche alla collaborazione praticamente fissa con Stabber, con il quale ha creato un alchimia tra MC e producer di una qualità vista raramente sulla scena italiana.

La carriera di Rasty stava prendendo il volo, poi l’incidente. Nell’aprile del 2017 viene trovato in possesso di un grosso quantitativo di marijuana; e dopo l’inevitabile processo viene condannato a 400 giorni di detenzione, tramutati poi in arresti domiciliari. Una condanna che ha frenato i suoi progetti ma soprattutto ha messo in pausa la vita del rapper ostiense; che nel frattempo ha riversato tutti i suoi sentimenti, la sua frustrazione, la sua rabbia, e le sue esperienze in questo progetto uscito sul finire del 2021.

On_Fleek_Selecta-Rasty_Kilo-Cinzia-On_Fleek_Podcast-Goldworld
Rasty Kilo“CINZIA” (Album Cover)

Rasty Kilo“CINZIA”

  1. Su Mia Madre ( prod. Night Skinny )
  2. 44 SDMG ( feat. Capo Plaza ) ( prod. Night Skinny )
  3. Air Force Bianca ( prod. Junior K )
  4. Gangland ( feat. Noyz Narcos )( prod. Night Skinny )
  5. Nel Back ( feat. Gué )( prod. Night Skinny )
  6. Botte ( feat. Tony Effe )( prod. Night Skinny )
  7. Nevica ( prod. Junior K )
  8. Amici Morti ( feat. Ketama126 )
  9. Su Dio ( prod. Junior K )
  10. Droga ( prod. Junior K )
  11. Malavita ( prod. Stabber)
  12. Hennessy X Lean ( prod. Night Skinny )
  13. Coma ( prod. Big Joe )

Un disco con tanti featuring importanti, che certificano il peso specifico di Rasty e il rispetto che tutta la scena gli tributa, ma che ci lascia un po’ di amaro in bocca. Perché ci aspettavamo un disco fortemente a tinte grime, magari anche qualche collaborazione internazionale; essendo quello di Kilo il nome più noto in Italia per questo genere nato in UK.

Mentre pur avendo un suono cupo, teso, come questo genere “comanda”, “CINZIA” è un disco sostanzialmente orientato verso la trap, genere più popolare oggi in Italia; in un certo senso più accessibile rispetto alla durezza del grime/garage. Speravamo che il comeback di Kilo avrebbe piantato forte e chiaro una bandiera tricolore nella terra di Albione; che sarebbe stato il primo vero disco puramente grime di successo di un artista italiano.
Invece ci siamo ritrovati con un disco valido (perché Rasty è sempre lui, i domiciliari non ne hanno scalfito la penna e la capacità al microfono neanche un po’) ma che fa fatica ad emergere nel panorama rap/trap nostrano.

On_Fleek_Selecta-Rasty_Kilo-Cinzia-On_Fleek_Podcast-Rasty_Kilo-Goldworld
Rasty Kilo

Non risulta quindi strano che a nostro parere il pezzo meglio riuscito dell’album sia il breve “Malavita”, prodotto proprio dal socio di mille battaglie Stabber; con cui, come sempre, si trova a meraviglia e rappa fluido esattamente come ce lo ricordavamo in “Crime” e “Kilo Season”, e che forse in questo disco si sente solo a sprazzi.

Certo, Night Skinny e Junior K (che troviamo rispettivamente in 6 e 4 pezzi) sono di grande capacità come ci hanno insegnato ormai da tempo; d’altronde sono due producer importanti e prolifici, che producono per i top player del game in Italia senza mai far calare di un oncia la qualità del loro lavoro.
Ma come spesso si dice “squadra che vince non si cambia”, perché a cambiarla si rischia di toccare degli equilibri che funzionano a meraviglia. E per quanto sia interessante che Rasty abbia voluto rischiare e forse uscire da una zona di comfort su questo progetto; non possiamo fare a meno di chiederci quanto sarebbe stato fico ricreare la coppia Kilo-Stabber che ci ha quasi staccato la testa dal collo a furia di headbanging.

Rasty Kilo“CINZIA” su Spotify

Il mood del disco gira tutto intorno alla vita di strada e alle passate esperienze di Rasty e le persone più vicine a lui, dalla sua famiglia ai suoi amici e fratelli; anche se forse manca un pizzico di varietà e di originalità nell’affrontare questi argomenti, perché sebbene la “street life” sia un elemento portante e fondamentale dell’intero genere rap, portarlo sempre e solo come unico tema all’interno dei pezzi può risultare ripetitivo e, alla lunga, stancare. 

Da questo punto di vista il testo di “Air Force Bianca” è quello che abbiamo apprezzato di più. Perché ci mostra uno scorcio della vita quotidiana di Riccardo prima e di Rasty poi; in tre momenti ben delineati della sua vita. Da quando era un pischello di Ostia fino ai giorni nostri, quelli in cui Kilo è una colonna portante del rap romano; impossibile da lasciare fuori dal discorso quando si parla della scena della Capitale.

I featuring più attesi, quelli di Noyz Narcos e Gué, non lasciano particolarmente il segno; anche se come sempre alzano l’hype e il livello delle tracce. Invece ci ha colpito particolarmente la collaborazione con Tony Effe, il che ci conferma due cose: lo stato di forma del trapper della DPG, che ultimamente non sta sbagliando praticamente nulla, soprattutto nelle collaborazioni con altri artisti; e la direzione dell’album di Rasty Kilo, che cavalca l’onda della trap che sta facendo buoni (in alcuni casi anche ottimi) risultati nel nostro Paese.

On Fleek Selecta: CINZIA

In sintesi “CINZIA” è un buon disco, importante per la scena e per Rasty Kilo. Dark e incazzato come ci aspettavamo, che però forse spreca l’occasione di essere un caposaldo; un classico istantaneo, forse il primo vero album mainstream di grime italiano.

Un grande “What If”, espressione che ultimamente pare andare di moda, in cui l’entusiasmo per il ritorno di un protagonista del nostro rap e per le sue rime taglienti; rabbiose, violente, si alterna ai dubbi di cosa avrebbe potuto essere lo stesso disco con produzioni più estreme. Più garage, più elettroniche, caratteristiche musicali che Rasty Kilo ha ampiamente dimostrato di saper navigare con scioltezza e naturalezza inediti alle nostre latitudini.

Brani preferiti: “Malavita”, “Botte”, “Amici Morti”, “Coma”, “Air Force Bianca”


On Fleek – The Rap Talk Show

Ascolta On Fleek – The Rap Talk Show su Spotify, Spreaker, Google Podcast, Apple Podcast e tutti I servizi di streaming!

Pagina Instagram di On Fleek (Link)