Margherita Landi

The vulnerable technology inside of us

« Se lo spazio è infinito, siamo in qualsiasi punto dello spazio, Se il tempo è infinito, siamo in qualsiasi punto del tempo. » (Jorge Luis Borges)

Accarezzarsi a distanza nel tempo, un candido bacio, un tocco nello spazio abitato mai insieme.

Chissà quante volte ci siamo incontrati senza incontrarci, attraversando lo stesso spazio in momenti diversi del giorno.

Il progetto si propone di indagare e sfidare le possibilità percettive di un corpo, quanto riusciamo a sentire dell’altro anche quando non siamo con lui? Come si può sfruttare questa sensibilità fisica come partitura coreografica? L’obiettivo è riportare l’attenzione sul corpo e sul suo infinito potenziale, una tecnologia interna, perfetta e infallibile, nella quale purtroppo abbiamo sempre meno fiducia.

Il video è stato girato sovrapponendo due soli di improvvisazione girati in silenzio in momenti diversi, dopo aver seguito un training specifico: “The world behind us’   ed è il primo di una serie che è stata sviluppata in collaborazione con Fabbrica Europa e che ha dato vita ad un totale di 6 video: 5 duetti sincronici e un trio.

 

concept, video editing, training: Margherita Landi
performer: Ilaria Lusetti e Alessandro Ragazzon
Realizzato con il sostegno di Workspace Ricerca X e Lavanderia a Vapore.

Video presentato presso la Lavanderia a Vapore grazie a Workspace  Ricerca X a maggio 2017

The vulnerable technology inside of us

« Se lo spazio è infinito, siamo in qualsiasi punto dello spazio, Se il tempo è infinito, siamo in qualsiasi punto del tempo. » (Jorge Luis Borges)

Accarezzarsi a distanza nel tempo, un candido bacio, un tocco nello spazio abitato mai insieme.

Chissà quante volte ci siamo incontrati senza incontrarci, attraversando lo stesso spazio in momenti diversi del giorno.

Il progetto si propone di indagare e sfidare le possibilità percettive di un corpo, quanto riusciamo a sentire dell’altro anche quando non siamo con lui? Come si può sfruttare questa sensibilità fisica come partitura coreografica? L’obiettivo è riportare l’attenzione sul corpo e sul suo infinito potenziale, una tecnologia interna, perfetta e infallibile, nella quale purtroppo abbiamo sempre meno fiducia.

Il video è stato girato sovrapponendo due soli di improvvisazione girati in silenzio in momenti diversi, dopo aver seguito un training specifico: “The world behind us’   ed è il primo di una serie che è stata sviluppata in collaborazione con Fabbrica Europa e che ha dato vita ad un totale di 6 video: 5 duetti sincronici e un trio.

 

concept, video editing, training: Margherita Landi
performer: Ilaria Lusetti e Alessandro Ragazzon
Realizzato con il sostegno di Workspace Ricerca X e Lavanderia a Vapore.

Video presentato presso la Lavanderia a Vapore grazie a Workspace  Ricerca X a maggio 2017

More Works