Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise
Goldworld Logo
CHE TE LO DICIAMO A FARE
ARTS

Luca Barcellona aka Bean One



progress

OMAR:Raccontaci un po’ del tuo background…

BEAN ONE:Ho trent’anni. Sono cresciuto come writer, con la passione per il lettering e per la musica non convenzionale. Faccio (tuttora) parte della crew milanese VDS, di cui fanno parte alcune persone che reputo fra i migliori writer e da cui ho imparato molto. Alcuni sono fra i miei più cari amici. Dal 2003 faccio parte del collettivo Rebel Ink, assieme a Rae Martini e Marco Klefisch e Francesca Gandolfi, con cui portiamo in giro per il mondo una performance live di calligrafia, writing e illustrazione. Ora mi occupo di calligrafia ed ho un nuovo studio con Klefisch e Dj Painè.
Colleziono vinili. Mi vesto spesso di nero; mi piacerebbe trovarci un significato tipo “sono in lutto per un pianeta che muore”, ma la verità è che non so molto abbinare i colori.

OMAR:Un aneddoto sulla tua carriera di writer?

BEAN ONE:Mi ricordo che andavo a scuola e durante le lezioni organizzavo il mio book con le foto dei treni… Un professore una volta me lo strappò dalle mani e disse “Adesso basta, ora chiamo la polizia!”

OMAR:Dipingi ancora?

BEAN ONE:Sporadicamente vado con Spice, Mind e pochi altri a fare dei pezzi su muro. Con tutta la calma che posso prendermi cerco di fare delle cose semplici e ben fatte. non siamo particolarmente “nerd” nel fare sfondi ricercatissimi o sfumature con la mezza pressione… il nostro pezzo deve essere finito in giornata. Questo ormai è il mio concetto di Wild Style: “Quite is the new loud“.

luca-studio-corsivo-2-foto-andrea-boscardin

OMAR:Chi è stato l’artista che ti ha influenzato di più?

BEAN ONE:Nel writing ce ne sono parecchi… Twist mi ha dato l’input iniziale per la ricerca nel tagging…e successivamente anche la scrittura chicana, le lettere a pennello di Chaz.
Parlando dei pezzi potrei citarti prima, Cope e T Kid, per i throw up perlopiù bombers semisconosciuti.
Anche la produzione di Milano dei primi anni ’90 mi ha segnato parecchio: FlyCat, Rax E, Dose, Sky, Lemon. Non cercavo di dipingere come loro, ma li ammiravo molto.
In realtà c’è stato un lungo periodo in cui ho cercato di guardare meno cose possibili, e questo può portare a dei buoni risultati a livello di stile personale.
Ora i miei maestri però si chiamano Hermann Zapf, John Stevens, Giovanni De Faccio. Sono personaggi che stimo molto e che nell’ambito calligrafico e tipografico hanno dato tantissimo. Studiando i loro lavori mi rendo conto di quanto piccolo sia quello che produco io…

OMAR:Quando hai cominciato ad interessarti alla calligrafia?

BEAN ONE:Il primo contatto credo di averlo avuto attorno al 1998, con Francesca, molto prima di Rebel Ink. Lei lavorava nella segreteria dell’Associazione Calligrafica; mi fece vedere i corsi che facevano, i libri che avevano in archivio, spettacolari, e mi si aprì un mondo. Non usavo ancora internet ed entrare in contatto con questa realtà fu un po’ difficile ma fu anche un privilegio. I lavori di calligrafia istituzionale mi sembravano irraggiungibili.
Vedevo però una certa chiusura da parte di questo ambiente verso il writing, quindi lo consideravo un po’ snob. Solo parecchi anni dopo ho deciso di dedicarmici completamente, ho sempre avuto questa idea fissa di far entrare il writing dalla porta principale; ultimamente son stato contattato dalla rivista americana Letter Arts Review, e (incredibile) erano proprio affascinati da questo mio connubio fra calligrafia e graffiti, e mi hanno chiesto un’intervista per loro. Queste cose portano onore al movimento del writing in generale, perchè in questo modo si eleva la visione che ne ha la gente comune.

OMAR:Ora è il tuo lavoro? Raccontaci qualche aneddoto.

BEAN ONE:Da qualche anno mi occupo solamente di calligrafia e lettering. È stato un processo abbastanza naturale, ad un certo punto le richieste di lavoro erano tali che ho dovuto lasciare il mio impiego e dedicarmi solo a quello.
All’inizio ero abbastanza spaventato, non pensavo di poter vivere solo di questo. Poi mi sono reso conto che il mio intervento nella grafica era ricercato molto più per gli artwork che facevo a mano che per il graphic design…e pensare che anni fa ero veramente frustrato da questa cosa, avevo mollato la grafica pensando che quello che volevo fare io fosse impossibile, che il computer avrebbe soppiantato la scrittura ed il disegno manuale. Forse in parte è stato così, ma l’accesso facilitato ai software di grafica e alla scelta di migliaia di caratteri ha creato un’appiattimento dell’estetica per cui, ciclicamente, si torna alla manualità; ricordo che dicevo questa cosa durante alcuni colloqui di lavoro e mi guardavano come un pazzo. Ora mi sto prendendo qualche sana rivincita, ben sapendo che solo facendolo seriamente e mettendo in discussione il tuo lavoro puoi fare la differenza.
Guardavo i lavori di De Faccio e lo consideravo un vero maestro, inarrivabile. Quando lo conobbi trovai una persona straordinaria, durante un corso in estate scrivemmo su una parete insieme e non mi sembrava vero. Coinvolgemmo più di una trentina di calligrafi che erano li presenti a scrivere con noi , gente di tutte le età presa da questa “grafomania”, e fu fantastico.

louis-vouitton

OMAR:Quando hai cominciato a cantare? Cosa ti ha avvicinato a questo mondo?

BEAN ONE:Oh, questo è un tema un po’ strano, nella mia vita c’è questa cosa chiamata Hip Hop, che da ragazzino mi ha a dir poco forgiato e “salvato” in qualche modo, e che continua a ripresentarsi nonostante io abbia tutt’altri interessi… Iniziai a scrivere perché frequentando Esa e Fritz era impossibile non farsi coinvolgere in quel mondo. Non sono mai stato un vero e proprio “MC”, di quelli che scrivono tutti i giorni, fanno gli album e i concerti. Ci sono stati parecchi episodi in cui mi sono riavvicinato alla musica in questi anni, quasi sempre spinto da una necessità, come per Lingua Ferita, a volte perchè vengo risucchiato dalla passione di altri e finisco per registrare cose nuove. L’ultimo progetto si chiama Dublinerz, ed è un gruppo che si è formato spontaneamente con Bassi e Supa durante alcuni viaggi low cost e davanti a svariate pinte di stout. È una delle cose più disimpegnate che abbia mai fatto, è stato molto divertente veder nascere questo disco. Ora stiamo suonando un po’ in giro e mi sembra di essere tornato ai vecchi tempi. vedo questa gente che canta a memoria i miei pezzi e capisco che quello che lasci quando esci dallo studio di registrazione ha un influenza notevole su chi lo ascolta, hai una sorta di responsabilità sul tuo pubblico (che spesso è molto giovane, fra l’altro…).
Essere onesto verso quello che fai può ripagarti con il supporto e la credibilità che ne derivano, e in questo mi ritengo molto fortunato.
Ultimamente ho registrato una cover dei Clash, di cui ho scritto il testo in italiano, ed una strofa, con un gruppo punk rock di miei amici (www.minnies.it), di cui abbiamo fatto anche il video. È stato bello collaborare con un genere così diverso, senza fare a tutti i costi il pezzo con il classico featuring hip hop. Almeno, lo considero un buon punto di partenza per aprirmi ad altre direzioni musicali.
Verranno altri progetti, che forse stupiranno anche me.

mi-name-is

OMAR:E il progetto Rebel Ink?

BEAN ONE:Questa estate siamo stati chiamati a partecipare, come Rebel Ink, ad una manifestazione internazionale chiamata Names Fest a Praga dove eravamo gli unici italiani oltre a Blu; è stato un grande onore per noi vedere la nostra performance accanto ad artisti come Mode 2, Loomit, KR, Akym, Viagrafik, Zedz. È uscito anche un catalogo con DVD di names, molto ben fatto. In futuro speriamo di poter continuare a selezionare le nostre apparizioni in contesti altrettanto interessanti, e di viaggiare ancora all’estero, il risultato finale ne guadagna.

OMAR:La tecnologia ha reso tutti in grado di essere grafici, musicisti e artisti. Questa cosa ha per forza di cosa portato ad un livello qualitativo più basso. Cosa ne pensi?

BEAN ONE:Ci sono trattati e libri di grafica e progettazione che vengono completamente ignorati. Tutti sanno fare tutto, da un giorno all’altro. Lo riscontro anche nella fotografia e in tutto quello che ha un’implicazione digitale. Per non parlare dell’iconografia “street” che si è creata e si ostina a non morire, parlo di quella con le colature vettoriali e quelle accozzaglie di pupazzini.
Chi si è improvvisato grafico o artista senza avere dimostrato talento o di avere delle basi solide per cimentarsi in queste discipline, credo che ne pagherà le conseguenze. Le trovo insopportabili, è un linguaggio da adolescenti.
Anche perchè il settore terziario, di cui tutti facciamo parte, sarà il primo ad essere colpito dalla crisi economica. Quello che non è “necessario” ma che soprattutto non è di qualità, salterà per primo.

OMAR:Progetti per il futuro?

BEAN ONE:Futuro? A, si… ora vado a farmi un tè…

OMAR:Saluti

BEAN ONE:Beh, vorrei ringraziare chiunque mi dia la possibiltà di esprimermi con il mio lavoro, e tutti quelli che in questi anni mi hanno supportato, (impossibile elencarli tutti…) nella vita reale e virtuale.

Omar e Nuri Rock On !!!