Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise che cos'è gold
Goldworld Logo
È AMICO DEI TROLL DI INTERNET
MUSIC

“Life’s Beautiful” e l’elegante suono di Alsogood



“Life’s Beautiful” è il nome del primo album solista di Francesco Lo Giudice, produttore e musicista italiano, anche conosciuto come Alsogood.
Il disco è fuori già da qualche settimana, più precisamente dallo scorso 7 Maggio, ed è disponibile in copia fisica, in formato vinile a questo link; ed in streaming digitale su Bandcamp, Spotify, Apple Music e simili.
“Life’s Beautiful” è stato edito da Peermusic Italy e distribuito da Blunt Shelter Records, un’etichetta discografica ungherese che risulta tra le più attive nel settore dell’instrumental Hip Hop.

Il progetto, composto da nove tracce, ci offre un accompagnamento sonoro della durata totale di sedici minuti.
I nove brani del disco sono e risultano perfettamente collegati ed in simbiosi tra loro di loro; l’uno al passo con l’altro, sopra un coerente flusso rilassato e calmo, comune.

“L’obiettivo di questo progetto è trovare pace e buone vibrazioni nella nostra vita quotidiana, anche se a volte è frenetica o problematica.”

Lifes_beautiful-alsogood-album-cover-goldworld
“Life’s Beautiful”Alsogood (Album Cover by Alsogood)

“Life’s Beautiful”

Tracklist

“Don’t Waste Your Time” (feat. Saiko)
“Avocado Toast”
“Life’s Beautiful”
“Blue” (feat. J. Raise, Jr)
“Out for a Walk”
“Fresh Air”
“Long Live”
“New Bicycle” (feat. Alessandro Pollio)
“Rome”

L’album è una rappresentazione diretta dell’espressione artistica e compositiva dell’autore, frutto di anni di ricerca musicale e di studio di melodie che hanno influenzato il percorso di Alsogood.
Dalla prima traccia, che è stata usata come singolo, “Don’t Waste Your Time”, in collaborazione con il viennese Saiko, arrivando all’ultimo brano: “Rome”; i beats di questo progetto ci offrono dei ritmi davvero rilassanti e riflessivi, arricchiti da suoni e melodie distese ed introspettive.

Che è un ritmo introspettivo? Boh a parole non lo so spiegare, sono le vibes che parlano, sentire per credere.

“Life’s Beautiful”Alsogood su Spotify

Ho avuto il piacere di ascoltare in anteprima il disco (grazie man) ed una volta che è stato pubblicato, ho scambiato qualche chiacchiera con Alsogood a riguardo!
Check it

Ciao Fra, benvenuto su Goldworld!
Come ti dicevo qualche giorno fa, quando ci siamo sentiti al telefono, ho davvero apprezzato il disco; soprattutto le tracce “Out for a Walk” e “New Bycicle”.
Credo che l’album sia un progetto davvero elegante e raffinato.

Grazie mille, è sempre un piacere far due chiacchiere con te.
Provo sempre a mantenere una certa linea quando faccio musica, è frutto dello studio e dei tanti ascolti ma lo stato emotivo gioca un ruolo fondamentale nella mia musica.

“Life is beautiful” è stato un modo per ribadirti e ribadire le cose importanti della vita?
Dal titolo, ed anche dai titoli di alcune tracce, possiamo percepire un chiaro riferimento a quei bisogni naturali che abbiamo provato nell’ultimo anno.

Sì, in realtà il concept l’ho sviluppato in un secondo momento in base a delle riflessioni che ho fatto durante l’anno in corso. Ho riscoperto l’importanza di alcune cose, momenti che spesso ci sembrano scontati ma sono fondamentali.

Come ad esempio andare a fare una semplice passeggiata o mangiare un buon piatto genuino.
Spesso queste cose sono inevitabilmente accompagnate dalla tecnologia, vedo un sacco di gente in giro perdersi l’incontro col mondo tenendo lo sguardo sullo smartphone. Questo inverno ho anche staccato i social. Non credo siano necessari per gli artisti, io ad esempio li uso solo come vetrina per i miei lavori.

Lifes_beautiful-alsogood-album-retro-goldworld
“Life’s Beautiful”Alsogood (Album Retro by Alsogood)

I bisogni sono sicuramente individuali, ma tutti ci possiamo ritrovare nel bisogno di andare “out for a walk” o di “fresh air”; tracce in cui ti troviamo come unico autore.
Come è stato invece collaborare a distanza con gli altri artisti, reinterpretando in “coppia” un bisogno, con l’obbiettivo di esprimerlo musicalmente?

Queste due tracce che hai menzionato le ho prodotte da solo, ma sono spesso abituato a lavorare anche a distanza, anzi ricevere degli input da altri artisti può aprirti a nuove scelte compositive a cui da solo magari non saresti arrivato in quel determinato momento.

Sono uno parecchio inclusivo e sento amici e musicisti tutti i giorni. Mi piace coinvolgere più gente possibile nei miei progetti, La matrice dell’Hip Hop alla fine è quella della condivisione…

La matrice sonora dell’album è sicuramente quella Hip Hop/Lo-Fi, coerente ad un certo tipo di sound al quale ci hai “abituato” nel tempo con i tuoi progetti.
Questa volta però troviamo atmosfere meno vaporose ed astratte, ma ambientazioni e suoni decisamente più classici, meno sample e molti strumenti suonati; ti va di raccontarci il processo creativo che ha portato alla realizzazione dell’album?

In realtà io non seguo uno schema preciso quando faccio musica. Mi lascio ispirare molto, non sono per niente schematico e mi sono accorto di essere piuttosto disordinato nel catalogare le mie idee.
Per “Life’s Beautiful” ho semplicemente raccolto le musiche prodotte nei mesi antecedenti a questa primavera.

La scelta di suonare quasi tutto senza utilizzo di samples è dovuta a diversi fattori, in primis la difficoltà nel pulirli. Ultimamente la mia musica sta andando bene e non vorrei imbattermi in noie legali.

Alsogood-Fabio_Ficara-Fuzilli-goldworld
Alsogood x Fuzilli (Foto di Fabio Ficara)

Qual’è, tra queste nove, la traccia alla quale, per qualsiasi motivo, sei più affezionato?

Non saprei sceglierne una. In realtà nonostante questo sia il primo album da solista sono più legato a qualche vecchio episodio della mia discografia. Però la title track “Life’s Beautiful” è quella che secondo me comunica di più e mi soddisfa a pieno a livello compositivo.

Ed invece, qual’è quella che ha avuto il percorso più travagliato?

In realtà nessuna perché conservo la mia attitudine rapida e veloce nel fare musica. Ho un workflow abbastanza spedito.

Se pensi che in un anno ho rilasciato una roba come 70 tracce tra EP, album, singoli e collaborazioni è perché non sto a farmi troppe domande. Quando arrivo all’80% per me quel brano è finito, basta solo un po’ di arrangiamento.

Nonostante il tuo suono sia abbastanza ben definito, so che ascolti un tot di generi diversi. Se ti chiedo quali sono le tracce che ti hanno colpito maggiormente nell’ultimo periodo; quali sono le prime cinque che ti vengono in mente?

Ti metto cinque dischi qui:

  • Pink Siifu & Fly Anakin – “Smokebreak” EP (Link)
  • The Alchemist“This Thing of Ours” (Link)
  • Pivot Gang“You Can’t Sit With Us” (Link)
  • Kiefer“Between Days” (Link)
  • Alicia Keys “Alicia” (Link)

A proposito di questa tua versatilità, a breve uscirà anche un altro progetto che vede la tua partecipazione, cosa ci puoi dire a riguardo?

Yessir, ho prodotto un EP di quattro tracce a Creep Giuliano, uno dei miei preferiti in Italia. Ci sarà anche un estratto video.

Sto preparando anche delle robe nuove con Brainorchestra, rapper in forte ascesa negli Stati Uniti; sta già collaborando con Pink Siifu e Planet Asia per dirti qualche nome…

In più sono sempre a lavoro su commissioni diverse per nuovi artisti ed ho fatto un po’ di sessioni studio con un gigante di cui non ti dico ancora niente… *sorride*


La traccia “Out for a Walk” è presente in Beatz Treat, la Beat Radio Playlist di Goldworld.