Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise che cos'è gold
Goldworld Logo
ELEMENTARE, WATSON!
Rap

Fredo – The London boy



Nell’articolo di oggi andiamo alla scoperta di uno dei rapper più forti ed influenti di Londra, che risulterà sconosciuto a chi non segue la scena rap londinese: Fredo.

Fredo, pseudonimo di Marvin William Bailey, è un rapper classe 1994 nato a Queen’s Park, un quartiere nel nord-ovest di Londra, da madre di origine anglo-marocchine e da padre originario delle Barbados.
Fredo ha trascorso gran parte della sua infanzia tra Hertfordshire e la “Tenuta di Mozart” di West London, zona situata tra Ladbroke Grove e Queen’s Park, crescendo di fatto in un contesto di continua criminalità e faide tra gang rivali.
Il rapper ha frequentato anche le scuole in questa zona, fino a quando è stato espulso dall’istituto, prima di conseguire il GCSE (General Certificate of Secondary Education).

La “Tenuta di Mozart” è una zona malfamata, dove la violenza e le gang di strada la fanno da padrone; proprio qui nascono gli Harrow Road Boyz (HRB), conosciuti anche come “La Banda di Mozart”, una gang e collettivo Hip Hop di cui Fredo fa parte.

Negli anni, Marvin, si avvicina al rap ed il suo lato artistico viene influenzato da rapper americani come 50 Cent e Styles P, i quali hanno hanno lasciato una certa impronta sul suo stile.
Nel Marzo 2016, poco prima di compiere 22 anni, Fredo pubblica il suo primo brano: “They Ain’t 100”.

Fredo“They Ain’t 100”

Dopo appena tre settimane dall’uscita del brano Fredo viene arrestato, cosa che in quegli anni avverrà più di una volta, non permettendo al rapper di godersi appieno il successo che il suo brano stava riscuotendo, tra ascolti radiofonici e visualizzazioni.
Solo dopo la sua scarcerazione riuscì a comprendere il livello di popolarità che nel frattempo aveva ottenuto, ritrovandosi effettivamente con dei fans che volevano nuova musica.

Tutto ciò lo ha motivato ad intraprendere la carriera da rapper dichiarando: “Non aveva senso per me fermarmi qui“. Da quel momento Fredo ha letteralmente “alzato l’asticella”, con un’ascesa a dir poco inarrestabile.
Il rapper ha realizzato due mixtape: “Get Rich Or Get Recalled”, nel 2017, nel quale è contenuto anche “They Ain’t 100”, e “Tables Turn”, nel 2018.

Di questo ultimo mixtape bisogna citare: la traccia di apertura “Rappin & Trappin”, un vero e proprio “banger” di Fredo, di cui è stato realizzato anche il video, pubblicato sulla pagina ufficiale del canale GRM Daily; ed altre due tracce: “Playin’ For Keeps” (feat. Asco), anche questa con video, ed il brano “Boom Boom”.

Fredo“Rappin & Trappin”

In questi due mixtape il rapper ha creato un equilibrio tra celebrativo e realistico, tra successo e vita di strada. I suoi brani gli hanno permesso anche di realizzare collaborazioni di livello con altri rapper UK come: Kojo Funds , Young T & Bugsy e Dave (Modie per i fans della serie Top Boy).

Fredo ha collaborato proprio insieme a quest’ultimo per la realizzazione del brano “Funky Friday”, traccia che uscì il 5 Ottobre 2018 ed andata quasi subito al numero uno della UK Singles Chart.
Con ben oltre 6,7 milioni di stream audio e video, il brano è diventato anche la prima canzone di un rapper britannico in testa a quella classifica da “Not Letting Go” di Tinie Tempah, uscita nel 2015.

Dave“Funky Friday” (feat. Fredo)

Dopo un paio di mesi Fredo decise di realizzare quello che diventerà il suo primo album in studio, dal titolo “Third Avenue”. Il nome deriva dalla via nella quale il rapper è cresciuto a Queen’s Park, come da lui stesso dichiarato “È lì che sono davvero cresciuto, dove ho imparato tutto, da dove sono partito”.
Del resto, la sua musica proviene dal desiderio di dar voce alla realtà della sua zona, rappresentata da qualcuno che l’ha vissuta veramente. “La maggior parte delle zone di Londra ha una voce, e mi sentivo come se la mia zona non avesse una voce“.

Questa sua interpretazione, chiara ed istintiva per il rap, influenzata anche dalla “trappola”, ha attribuito a Fredo il soprannome di “YG di Londra”, datogli dalla scena made in UK.

Third Avenue

Fredo-Third_Avenue-Album_Cover-goldworld
Fredo “Third Avenue” (Album Cover)

L’album, realizzato in circa 9 mesi, è stato rilasciato il 1 Febbraio 2019, ed è stato prodotto quasi interamente da JB Made It.
JB è uno dei producer drill più conosciuti nel Regno Unito, le cui produzioni sono molto richieste anche oltreoceano; tanto da vantare collaborazioni con rapper come: Chief Keef, Drake, French Montana, Fivio Foreign, Blueface e Lil Tjay.

“Third Avenue” contiene 13 tracce, in equilibrio tra rap duro e jam più lente, che descrivono appieno il rapper. Il suono è un’evoluzione ancora più raffinata del lavoro che ha iniziato con i suoi due mixtape.
Uno dei pezzi più cult dell’intero album è sicuramente il brano di apertura “Survival Of The Fittest”, omonimo del brano dei Moob Deep.

Fredo“Survival Of The Fittest”

Survival of the Fittest
Man I’m coming from that jungle
So you can say I’m riding with gorillas
What I’m writing is the realist
This rapping really saved me
I was tired of the whipping

“Survival Of The Fittest” Fredo

Queste sono le barre con cui Fredo apre il brano, mettendo subito in chiaro come stanno le cose. Le tracce successive non sono da meno però, infatti sia “Mmhm” che “Money Maker” potrei definirle di livello all’interno di “Third Avenue”; per poi arrivare a quello che è stato il singolo di apertura dell’album: “BMT”.
Il brano è uscito a Novembre 2018, ed a mio parere è una traccia che, per melodia e per flow, ti entra in testa e ci rimane senza problemi.

Fredo“BMT”

Meritano però di essere ascoltate anche: “Property Picking”, “All I Ever Wanted” (feat. Dave), “It’s Like, Doing the Most” (feat. Lil Dotz) e “Love You for That”; quest’ultima traccia è stata dedicata alla madre e nel brano il rapper si scusa con lei per non essere stato il figlio perfetto.
Questo album è la prima opera che il rapper ha scritto e registrato interamente fuori di prigione, luogo in cui sembra di non aver assolutamente intenzione di tornare.
Questa libertà ha dato alla musica di Fredo una nuova prospettiva.

“Third Avenue” è un album che unisce due mondi diversi. Quello del rapper, che naviga nel successo personale, e quello di molti dei suoi amici; che si trovano nella stessa posizione in cui si trovava lui fino a poco tempo fa.
Del resto, come da lui stesso dichiarato “Ho speso più soldi per aiutare i miei amici in prigione che ad Harrods.

Dopo il rilascio dell’album, Fredo, non è certo rimasto fermo, anzi.
Oltre ad aver partecipato ad alcuni festival ed essersi esibito in club in giro per il Regno Unito, ha rilasciato anche nuovi singoli, con i quali ha voluto rafforzare la sua presenza nella scena; uno di questi è sicuramente “Netflix & Chill”, uscito nel Novembre 2019.

Fredo“Netflix & Chill”

A questo brano hanno fatto seguito altri due singoli, usciti tra Marzo ed Ottobre dello scorso anno: “Scorpion” e What Can I Say che è anche il singolo di presentazione del nuovo album del rapper; oltre ad un freestyle rilasciato, ad Agosto 2020, nell’ambito di Daily Duppy;
una serie di video caricati dal celebre canale GRM Daily e dedicati ai freestyle dei nomi più caldi della scena britannica.

Fredo“Daily Duppy”

Adesso, a distanza di due anni, Fredo è fuori con il suo secondo album ufficiale in studio, dal titolo “Money Can’t Buy Happiness”; pubblicato ieri, Venerdì 29 Gennaio 2021.

Fredo, durante l’annuncio dell’uscita del nuovo disco, ha dichiarato: “Voglio scusarmi per l’attesa. Avevo un album dallo stile completamente diverso, che non significava nulla per me. Nel frattempo, nella miavita stavano succedendo molte cose per cui ero arrabbiato e confuso.
Pensavo davvero che una volta che hai i soldi non puoi non essere felice dentro, anche se le cose stanno succedendo, ma non è così.
Non voglio che la gente pensi che certe cose di cui rappo siano importanti, o la chiave della vita, perché non lo sono. La maggior parte delle cose di cui rappo sono solo quello che ho passato, o la realtà, per me e i miei amici”.

L’album, composto da 11 tracce, vede al suo interno artisti US come Pop Smoke, tristemente scomparso a Febbraio 2020, di cui Fredo ha sempre parlato bene, e Summer Walker, cantante R&B di Atlanta; ed artisti UK come Dave e Young Adz.

Money Can’t Buy Happiness

Fredo-Money_Can't_Buy_Happiness-Album_Cover-goldworld
Fredo“Money Can’t Buy Happiness” (Album Cover)

“Money Can’t Buy Happiness” è stato anticipato anche da un secondo singolo: “Back To Basics”, prodotto dal rapper Dave. Il significato di questo brano sta in un ritorno alle origini; Fredo infatti ricorda i tempi in cui rappava per le strade di Queen’s Park, fra guerre tra gang, soldi e donne.

Fredo“Back To Basics”

L’album uscito ieri, ad un primo ascolto, risalta subito la capacità di Fredo sul beat. Le tracce che a livello personale ho apprezzato di più sono: “Biggest Mistake“, il brano di apertura in cui Fredo parla del divorzio dei suoi genitori, della dura vita nella “Tenuta di Mozart” e dei suoi amici scomparsi o rinchiusi in prigione; in cui paragona la lotta che stava affrontando al successo che sta ottenendo.
Poi “Spaghetti” (anche questa prodotta da Dave) e “Ready” (feat. Summer Walker) il cui beat è una rivisitazione del celebre brano “Ready Or Not” dei Fugees.

Reputo quest’ultima traccia una delle migliori di “Money Can’t Buy Happiness“. In questo brano il rapper londinese, pur raccontando di voler fare la guerra ai suoi nemici e di vantarsi della sua ricchezza, segna questo periodo come una vittoria, per la sua vita e la sua carriera; parlando degli sbagli fatti durante la sua vita e dei modi per correggerli. “Money Talks” (feat. Dave) è un altro brano che merita all’interno di questo ottimo nuovo progetto del rapper londinese, uscito Giovedi 28 Gennaio scorso come terzo singolo di presentazione dell’album e di cui è stato anche realizzato il video.

Fredo“Money Talks” (feat. Dave)

Passiamo poi a “Do You Right“, in questa traccia Fredo abbandona quello che è il suo flusso originale per appoggiare un’atmosfera prettamente trap-wave. Mette al centro della traccia le donne, parlando della sua vita da single e del rapporto che ha con loro.
Burner on Deck” (feat. Pop Smoke, Young Adz) è il vero e proprio “banger” dell’album. L’incredibile beat della traccia è stato prodotto da Yoz Beatz, già produttore di alcune tracce di Pop Smoke, in collaborazione con RicoRunDat, producer di Toronto.
Per concludere, abbiamo poi “Aunt’s Place” brano in cui Fredo parla del suo passato da spacciatore di strada e riflette sulle circostanze che lui e i suoi amici hanno vissuto crescendo a “Mozart”; i sogni di trovare una via d’uscita e i suoi amici, che in seguito alla sua fama sono cambiati.

Buon ascolto!