Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise che cos'è gold
Goldworld Logo
QUI NON SI BADA A SPESE
VR

Festival e VR: da casa tua, al tuo Festival del cinema preferito



Festival e VR

Il mondo dello spettacolo, a causa del Covid-19, si è dovuto fermare, così anche le proiezioni cinematografiche. I creatori dei festival cinematografici non si sono arresi, cercando soluzioni attuabili anche in un momento in cui si ha l’obbligo di rimanere chiusi. 

I cinema drive-in sono un esempio, tornati all’attacco per sopperire alla chiusure delle sale.

Perchè i drive-in? 

I drive-in offrono la possibilità di recarsi in un luogo prestabilito e godersi un film proiettato su un grande schermo, direttamente dalla propria macchina.

Tutti insieme separatamente!

Ma il drive-in non basta!

Come si fa a poter fruire dei festival cinematografici, sebbene si presentino tutti questi problemi?

I responsabili del Festival cinematografico di Venezia e del TIFF, l’International Film Festival di Toronto, si sono affidati alla realtà virtuale per ricreare appunto virtualmente l’esperienza del festival stesso

“Grazie alla realtà virtuale, è possibile partecipare a un festival ovunque tu sia: devi solo indossare il tuo visore per realtà virtuale e in pochi istanti sei lì. Ho sempre desiderato essere al Venice VR Festival, ma a causa del mio fitto programma, non ne ho mai avuto l’opportunità. Ero lì, sul Red Carpet di Venezia, a scattare le prime foto da red carpet della mia vita insieme a persone di alto profilo! Venice VR Expanded ha visto la partecipazione di molte persone che probabilmente non avrebbero mai avuto il tempo e il denaro per andare a Venezia, e questa è una straordinaria opportunità per i festival per massimizzare la loro portata e fare in modo che la cultura si espanda in tutto il mondo.”

Antony “Skarredghost” Vitillo, cofondatore di New Technology Walkers. 

La risposta è festival in VR!

Il futuro dei festival cinematografici sta cambiando, senza dubbio stimolato più rapidamente dalla pandemia. Si sta infatti promuovendo l’idea che ogni evento futuro sia un ibrido tra evento reale e evento virtuale.

Permetterà di ampliare ed espandere internazionalmente il raggio d’azione di ogni festival.  

Il boom del mercato dei festival genera miliardi di euro di entrate, ma deve affrontare vincoli di tempo, spazio e logistica incomprensibili, che impediscono loro di raggiungere un pubblico più ampio. Inoltre, gran parte del pubblico non può partecipare ai festival a causa di vincoli logistici o problemi finanziari. La pandemia è stato un elemento aggiuntivo che ha richiesto una soluzione alternativa sia per gli eventi, sia per il loro pubblico. 

“La VR è la soluzione migliore in quanto può affrontare tutti questi problemi consentendo alle persone di partecipare virtualmente ai festival da qualsiasi parte del mondo.”

Louis Cacciuttolo, CEO di VRrOOm

Da casa tua, direttamente al tuo Festival preferito.

Niente batte l’esperienza di persona, ma sempre più persone sono convinte di quanto funzionale sia pensare ad un futuro ibrido. Anche dopo la pandemia, quando il pubblico avrà la possibilità di tornare nelle grandi sale, gli eventi online e virtuali saranno parte integrante dei festival cinematografici. 

Se la pandemia ci ha insegnato qualcosa è che la narrazione, l’espressione e l’arte si sono nuovamente trasformate in nuove dimensioni e mezzi.

Riconoscere questo è il futuro dei festival cinematografici.

Fonti: Forbes