Margherita Landi

Biography

Margherita Landi è danzatrice e coreografa italiana Laureata in etno-antropologia.

Dal 2010 lavora come artista indipendente creando spettacoli che focalizzano l’attenzione sulla relazione tra danza e antropologia, sviluppando un approccio alla coreografia basato sull’improvvisazione e una ricerca interdisciplinare che mette in relazione poesia, danza e nuove tecnologie. Ha lavorato ad Amsterdam come coreografa e danzatrice, collabora con artisti internazionali della scena europea (Iraqi Bodies, Makiko Ito, Alfredo Genovesi, Katie Duck, Dance Elixir, MonoCollective, Yumiko Yoshioka).

Prende attivamente parte al progetto The pool nel quale elabora un sofisticato studio antropologico su improvvisazione e danza. Nel 2012 presenta al festival Shopwalk “Limen”.
Nel 2013 è stata selezionata per la Biennale Danza per il progetto “invenzioni” diretto da Alessandro Sciarroni. Tra i suoi progetti: “Dance for Smartphone”, “Sospendete quello che state facendo”, “Improvvisazione in danza come spazio liminale”, “The world behind us”, “P2P – da persone a profili”.

Proveniente da una formazione classica, diplomata in Cecchetti presso l’ISTD nel 2002.
Si è poi focalizzata sulla danza contemporanea studiando con importanti nomi come Company Blu, Simona Bucci, Giorgio Rossi, Roberto Castello, Katie Duck e Julyen Hamilton.

Ha poi perfezionato i suoi studi a Londra presso il centro di danza contemporanea Laban. Ha collaborato con giovani gruppi di danzatori indipendenti (Besecò, Monocollective e FuoriLuogo) portando avanti con loro ricerche e spettacoli nel campo dell’improvvisazione, della composizione istantanea fusa con discipline di diversa natura come giocoliera, mimo, teatro.

Simultaneamente alla sua ricerca in danza Margherita ha lavorato come copywriter/ghostwriter per l’Imam Izzeddin Elzir a Firenze, collaborando con UCOII (Unione delle Comunità Islamiche d’Italia) dal 2015 al 2017, e con la Scuola per il Dialogo Inter-religioso Fondata dall’Imam Izzeddin Elzir e il Rav Joseph Levi.

Ha lavorato con Zoya Sardashti, artista e ricercatrice Iraniana-Americana, al suo progetto “Formulation of Assembly” basato sulle teorie di Judith Butler “L’alleanza dei corpi”, sotto la supervisione diretta di Judith Butler.

Dal 2017 collabora stabilmente con Teatro Studio Krypton come coreografa e performer.Dal 2018 è assistente artistica di Virgilio Sieni per i progetti con i cittadini.

Scarica il curriculum