Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise che cos'è gold
Goldworld Logo
MA È IMPOSSIBILE... PER QUESTO FALLITO HAI
Rap

Modalità Savage II – Il sequel di 21 Savage & Metro Boomin



Venerdì scorso il rapper 21 Savage ed il producer Metro Boomin hanno pubblicato il loro tanto atteso sequel: “Savage Mode II”.

Il primo “Savage Mode” è uscito nel 2016 e la rivista Rolling Stone lo inserì nella lista dei migliori 40 album di quell’anno; successivamente, divenne anche disco d’oro. 9 tracce che fanno subito capire all’ascoltatore le incredibili doti di questo duo.

Per chi se lo fosse perso mettiamo qui di seguito il link all’album su Spotify. Le tracce che segnaliamo particolarmente sono: “No Heart”, “X (feat. Future)”, “Bad Guy”, “Real Nigga” e “Mad High”.

21 Savage & Metro Boomin – Savage Mode

Savage Mode II

L’album è stato presentato tramite un trailer, la cui voce narrante è dell’attore e produttore cinematografico Morgan Freeman; che ritroviamo anche nella “Intro” ed in alcune altre tracce presenti nell’album.

Savage Mode 2 Trailer Dir. by Gibson Hazard

“Grandi Uomini con grandi ideali possono essere separati da centinaia o addirittura migliaia di miglia e rimanere nello stesso posto.
Possono essere distanti anni o addirittura generazioni.
Eppure in qualche modo, si ritrovano sulla stessa lunghezza d’onda.
Quando questi uomini uniscono le forze per concentrarsi sul raggiungimento degli stessi obbiettivi, per ottenere gli stessi risultati, non sono due, ma uno. Invece di aggiungere semplicemente i propri attributi comuni a quelli di un altro, in qualche modo tendono a moltiplicare tutti gli attributi di entrambi. Sia che provengano da St. Louis o da East Atlanta o che provengano da una terra selvaggia o da una metropoli in piena espansione. Che siano due o due miliardi, il massimo che il loro numero possa mai diventare, è diventare veramente uno.
Vi presento ora Savage Mode II.”

Morgan Freeman – Intro Savage Mode II

Assolutamente niente male come presentazione per l’album.
“Savage Mode II” è composto da 15 tracce e da subito parte con una delle migliori, se non la migliore: “Runnin”; della quale è già uscito il video, in cui è presente tutto il mood “Savage” dei due artisti.

21 Savage x Metro BoominRunnin

Tra gli altri brani da segnalare ci sono sicuramente: “Glock in My Lap”, “Slidin”, “Snitches & Rats (feat. Young Nudy)”; “My Dawg”, “Brand New Draco” (altra banger dell’album) e “Many Men”.

In questo ultimo brano 21 Savage rappa delle sue esperienze di vita, illegali e pericolose; ma allo stesso tempo ci racconta di come voglia lasciarsi il passato alle spalle. La violenza, le malefatte e la rabbia sembrano ancora tormentarlo. Il brano è anche un omaggio, come si può intendere, alla traccia “Many Men” di 50 Cent, di fatti il la canzone va chiudendosi con il ritornello del pezzo di Curtis.

21 Savage & Metro Boomin – Savage Mode II

I featuring presenti nel disco sono le partecipazioni con: Drake, Young Thug e Young Nudy.
Buon ascolto!

Savage Mode II – Chopped Not Slopped

Lo scorso Lunedì 19 Ottobre, 21 Savage & Metro Boomin hanno rilasciato una nuova versione del loro ultimo lavoro, denominata “Savage Mode II – Chopped Not Slopped”.

Questa nuova versione vuole rendere omaggio al Southern Hip Hop degli anni 90 ed allo stile “Chopped and Screwed“; quest’ultima tecnica, in cui il tempo delle canzoni viene rallentato, è stata introdotta dal famosissimo Dj Screw.

In questa nuova versione, le 15 tracce dell’album originale, sono state remixate da OG Ron C, un Dj originario di Houston, città che ha dato molto al Southern Hip Hop.

Anche la copertina dell’album rappresenta un omaggio vero e proprio agli anni 90; la cover è infatti ispirata alle copertine di quel periodo, ma soprattutto a quelle realizzate da Pen & Pixel Graphics, una società di progettazione grafica fondata nel 1992 dai fratelli Brauch con sede a Houston. Tra gli anni ’90 e i primi del 2000 l’azienda ha realizzato moltissime copertine di album musicali, soprattutto per artisti rap del Sud degli Stati Uniti, come i Three 6 Mafia, Juvenile, Master P e Lil Wayne.

Articolo a cura di Marco Degaz.