Scopri l'universo
espanso di Gold
Gold enterprise che cos'è gold
Goldworld Logo
SEGUE IL CONIGLIO BIANCO
ARTS

Apricena Hip Hop Culture: la Storia, la Fanzine e lo Sketch Contest



La Storia

Nata tra il 1984 e il 1986, la struttura del Carcere di Apricena non è mai entrata in funzione. Non ha mai ospitato alcun detenuto e non c’è mai stata nessuna inaugurazione a sancire la fine della sua realizzazione.
Fu semplicemente costruita e abbandonata.
Paradossalmente, per i ragazzi dell’epoca e per le generazioni a venire, questo, da luogo destinato alla prigionia, divenne luogo di profonda libertà.

Un mondo nuovo dove poter giocare senza preoccuparsi del pericolo delle automobili e dove potersi divertire anche in orari poco opportuni; senza correre il rischio d’infastidire il vicinato.

L’Associazione di promozione sociale I Polli di Pirro, è un’organizzazione apartitica e senza scopo di lucro; che persegue in modo esclusivo finalità culturali, formative e di solidarietà sociale.
Anche se formata ufficialmente il 3 Novembre 2014, ha iniziato a muovere i primi passi come gruppo informale dai primi anni 2000. Le passioni che legano il collettivo, costituito da ragazzi di diverse generazioni, sono: sport, musica, l’art painting e tutte le altre forme artistiche e creative.

Al 2014 quella del carcere risultava una struttura fatiscente e lasciata
al degrado, un mostro di cemento armato per il quale sono state investite ingenti somme di denaro. Risulta tuttora essere una delle maggiori opere incompiute della Regione Puglia.
Sin da subito l’Associazione decide di orientare il proprio operato per riqualificare la struttura. In particolare, l’idea di fondo è quella di restituire il posto ai ragazzi, realizzando un progetto in grado di trasformare l’immobile in un luogo di aggregazione giovanile; attraverso attività sportive, culturali, formative, musicali e ricreative, riuscendo ad attivare così anche la rivitalizzazione di un intero quartiere cittadino attraverso l’abbattimento di barrire socio-culturali.

Apricena Hip Hop Culture

Dal primo giorno è stato dato molto spazio a tanti artisti in vari campi organizzando diversi eventi; tra i quali sicuramente spicca l’Apricena Hip Hop Culture. L’evento dedicato alla cultura Hip Hop, è ormai giunto alla sesta edizione ed ha trasformato le mura sporche e fatiscenti della struttura dell’ex carcere in vere e proprie opere d’arte.

Tramite l’evento l’organizzazione è riuscita inoltre a far calcare il palco ad artisti conosciuti a livello nazionale ed a creare aggregazione e unione tra varie generazioni; ponendo di nuovo l’attenzione verso la cultura Hip Hop che da tempo è venuta a mancare.

La Fanzine

Inizia con queste parole la Fanzine Apricena Hip Hop Culture, per spiegare al meglio tutta la storia che c’è a monte.
La rivista racconta tutto il percorso che l’organizzazione, I Polli di Pirro, ha fatto dal 2014 ad ora, promuovendo eventi volti al recupero ed al riutilizzo dell’area abbandonata dell’ex-Carcere.

Apricena-Hip_Hop-Culture-Wall-1

Dalla prima edizione ad ora, il team dell’Apricena HHC, si è sempre dato da fare per proporre iniziative sociali, eventi musicali e Jam Hip Hop, con Mcees, Breakers, Djs e Writers.

Negli anni sono molti gli artisti che hanno partecipato alle varie edizioni dell’evento, provenienti non solo dalla Puglia, ma da molte parti d’Italia.
La fanza, oltre a raccontare la storia dell’evento, presenta anche un recap fotografico dettagliato, con scatti delle murate realizzate dai Writers nelle varie edizioni del festival.

Inoltre all’interno della rivista sono presenti anche due interessantissime interviste: una a Torbi, uno dei membri fondatori della Gargano Crew, e l’altra a Moe della ZSE.

Apricena-Hip_Hop-Culture-Wall-2

Abbiamo colto l’occasione per scambiare quattro chiacchiere con Cenzì dei Sang e Slang, uno dei creatori della fanza, per farci raccontare qualcosa in più a riguardo.

Come vi è venuta la voglia di cominciare ad organizzare gli eventi nell’area dell’ex carcere?

Tutto nasce dalla voglia di fare qualcosa di diverso, per noi stessi e per la nostra città, è stato un atto embrionale. L’ex carcere divenne subito un luogo di aggregazione e di profonda libertà perché nella nostra parte della Puglia non ci sono posti dove puoi esprimere te stesso e sviluppare le tue idee.

L’associazione de I Polli di Pirro ha popolato un posto costruito e abbandonato dallo Stato, luogo in cui lo spreco è diventato vita. La voglia di fare, organizzare e cambiare qualcosa fa parte della nostra indole. Ogni giorno cerchiamo di cambiare un tassello della nostra giornata ed il primo cambiamento è avvenuto in maniera istintiva; proprio all’interno della struttura dell’ex Carcere, dove tutti sono cresciuti.

Anno dopo anno, quali cambiamenti avete notato? Sia dal punto di vista del coinvolgimento degli abitanti della zona, sia da quello della partecipazione di appassionati di questa cultura.

Per tutti i ragazzi di provincia che da sempre seguono la cultura Hip Hop, sicuramente la struttura dell’Ex carcere è diventato un punto di riferimento. Nella provincia di Foggia sei anni fa si vedevano pochissime Jam. I paesi sono troppo distanti fra loro e le persone si sbattevano poco per organizzare eventi di questo genere, preferivano rimanere nel loro piccolo invece di creare nuove connessioni con gruppi o crew.

AHHC ha riacceso l’interesse delle persone occupando questo luogo dismesso, è stata la rottura alla noia e dell’individualismo. Dalla prima jam abbiamo riscontrato un forte interesse, vedevamo che le persone cominciavano a parlare di nuovo di Hip Hop; sono nati nuovi legami e nuove jam in paesi limitrofi.
Le persone hanno notato che anche un piccolo cambiamento, sia a livello artistico che sociale, ma soprattutto differente dalla massa, era possibile e in molti ci hanno seguito. La gente del paese era scettica all’inizio, non aveva capito subito né quale fosse il fine né il nostro approccio; non capiva il nostro modo di utilizzare l’arte e la musica come forma di cultura.

Oltre alla jam sono stati organizzati diversi eventi a carattere sociale e culturale in grado di raccogliere tutta la cittadinanza, senza escludere nessuno; proprio perchè il nostro messaggio non è solo quello di spingere la cultura Hip Hop.
Piccolo aneddoto di una jam: una persona anziana è uscita di casa per portare una bottiglia d’acqua al writer che stava dipingendo sotto un sole da 40 gradi all’ombra.

E’ stato un gesto piccolo ma che ha suscitato in noi una grandissima soddisfazione”

La Fanza è un’ottima prova di quello che è stato fatto negli anni, a livello di Writing. Come è nata?

La jam è diventato ormai un appuntamento annuale che si svolge fra la fine di Luglio e gli inizi di Agosto. Quest’anno, purtroppo, per via del Covid l’associazione non ha potuto organizzare nessuno degli eventi estivi di solito previsti; ma ugualmente non siamo stati fermi e abbiamo deciso di fare qualcosa per mantenere vivido l’interesse dei ragazzi e delle persone.

La fanzine è stata la jam di quest’anno, il nostro modo per interagire con la gente per far capire che continuiamo ad esserci e che vogliamo fare ancora tanto. In particolare la fanza è stata realizzata da me e Michele Niro con il contributo di Moe che ha realizzato le tag e il logo in copertina.

Apricena-Sketch_Contest-goldworld

Sketch Contest

All’interno della fanza, inoltre, troviamo due interessanti sezioni in cui disegnare. Queste due pagine rappresentano la base disegnabile tramite cui partecipare allo Sketch Contest lanciato dagli organizzatori.

Sketch Contest Apricena Hip Hop Culture Jam vol.7 2021
Regolamento per partecipare:

– Disegna il tuo pezzo, lettering e/o figurativo a colori o in bianco e nero (No Digital) su uno dei due “Sketch Paper” che trovi all’interno della fanzine. (pagine 9 e 33)

– Pubblica la Foto del tuo Sketch su Instagram, tagga le pagine @ipollidipirro_ e @sangeslang ed utilizza l’hashtag #ahhcfanza.

– Il migliore verrà scelto da una giuria composta da Torbi, Moe e dallo staff di Gold. Il vincitore avrà la possibilità di essere ospitato alla Prossima Apricena Hip Hop Culture Jam e verrà intervistato dal Team Gold!

– Il contest finirà il 29 Novembre 2020.

La Fanzine è disponibile presso i negozi:
The Graffiti Bench (Bologna) e Fat Flow Shop (Parma).

Consegna a mano e Spedizioni:
Bologna, Parma, Pescara, Apricena (Foggia) e San Severo (Foggia) contattando @sangeslang su Instagram.

Tutto il ricavato della vendita delle Fanzine verrà utilizzato per sostenere le spese della prossima Jam.