STORIES

Work-life balance questo sconosciuto

Scritto il 26/04/19 da Sara Cespuglio

Pare che la curcumina, sostanza derivante dalla curcuma -ovviamente- faccia bene ad un sacco di cose nell’organismo. Pare tuttavia che l’organismo non la possa assorbire a meno che non sia assunta insieme alla peperina derivante dal pepe nero. Facendo questo iperbolico parallelo il mio oroscopo della settimana scorsa mi incoraggiava a cercare non solo gli elementi che mi facessero bene, ma anche e soprattutto, quelli che lavorando in sinergia mi potessero fare anche meglio. Ovviamente io ho pensato al lavoro. A quali potrebbero essere quegli elementi che potrebbero contribuire al cosiddetto work-life balance.

Non è più un segreto, se ne parla dagli anni ’70. Il dipendente felice, che si sente parte di un sistema sano ed etico, è più produttivo ed è più coinvolto nei confronti della propria azienda. Se poi l’azienda propone anche dei programmi rivolti al benessere del dipendente diminuisce l’assenteismo e la malattia con l’aumentare del livello di salute. Poi così si fa anche branding, che non fa mai male.

E come quando vuoi cambiare macchina, e vedi in giro solo quel modello, così ogni articolo che mi capita sotto gli occhi mi parla di questo fantomatico equilibrio.
Leggo di Mars Italia, che ha conquistato il podio al 3° posto nella categoria Medium Enterprise della classifica Best Workplace Italia 2019. Leggo infatti che loro definiscono i loro dipendenti “Associati” e hanno politiche “smart” per il lavoro da remoto, che hanno vinto anche nella categoria Millennials, di cui 1 su 4 ricopre già funzioni manageriali. Ma anche investimenti sullo sviluppo professionale con piattaforme di e-learning e politiche di Welfare Aziendale offrendo alle persone beni e servizi su misura per gli Associati e le loro famiglie. Ah poi ci sono anche le donne, altro premio in altra categoria parte. Tutto magnifico. Beati loro.

Ma parliamo di aziende enormi, multinazionali dai 500 dipendenti in su. Per tantissime altre organizzazioni i benefit aziendali riguardano soprattutto un abbonamento in palestra. Come dimostra Gympass Italia, multinazionale brasiliana presente in 13 Paesi con più di 25mila strutture in 4mila diverse città nel mondo.

Il tessuto italiano è per lo più diverso. Infatti approfondisco l’argomento e saltano fuori dati ben diversi. O meglio paralleli: l’Italia è uno dei paesi dell’area Euro in cui si lavorano più ore a settimana, circa 3 ore in più rispetto ad altri paesi, 7 in più rispetto alla Germania. Ma non per questo si è più produttivi. In Germania sono più produttivi, e lavorano meno di noi. Se aggiungiamo poi che i salari da noi sono tra i più bassi, mi deprimo. Oppure no?

Oppure vedo un’opportunità. È un po’ come vedere i bambini felici e tranquilli perché hanno la mamma pacifica. E se la mamma è nevrotica, i bambini cosa possono fare??!!
La maggior parte di noi comuni mortali è come quei bambini che hanno la mamma un po’ nevrotica, e che da grandi dovranno fare un po’ più fatica per trovare il loro equilibrio.

Ma quando poi lo trovano, o individuano un metodo per trovarlo, sono degli adulti veramente funzionali. Se lavori in eccellenze come Mars Italia sei fortunato, è come avere quella mamma pacifica. Ma se non è la tua realtà la tua bussola te la devi costruire e – onestamente- non tutto questo precario e prezioso equilibrio dipende da un abbonamento aziendale in palestra. E se sei un dirigente illuminato di una piccola impresa o un responsabile che si occupa anche delle risorse umane, perché spesso questa è la situazione, cosa puoi fare?

Noi da Lab Rooms lo chiamiamo Design Your Life.
Ne parliamo davanti a un caffè?

Sara Cespuglio Autore

Sara Cespuglio
Sebbene giovanissima, ha vissuto diverse vite. La presente, è indubbiamente la sua preferita. Tornata nella Gold Family, è felicissima del progetto Lab Rooms.

May 2019

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Related

Co-working: Chi fa da sé non fa per me

STORIES 9.05.19
Scritto da Sara Cespuglio

Design Thinking, essere creativo anche se non lo sei

STORIES 11.04.19
Scritto da Sara Cespuglio

Design Your Life: Joseph Edition

GOLD 14.03.19
Scritto da Irene Sicari

Gold e Lab Rooms ritorno al futuro: è l’anno 2032

GOLD 8.03.19
Scritto da Irene Sicari