EVENTS

BEATBOX BATTLE WORLD CHAMPIONSHIP 1.2.3.4. Agosto 2018 Astra Kulturhaus, Berlino Giorno 0 Il campionato inizia una settimana dopo il mio arrivo a Berlino. Ad accogliermi ad Ovest fuori dalla stazione dei treni, nella solare capitale tedesca, sotto un inaspettato caldo cocente pomeridiano, c’è il mio amico Bee Low (organizzatore del campionato mondiale e leggendario writer…

Mondiali di Beatbox 2018: il report di Dhap

Scritto il 29/10/18 da Collaboratori

BEATBOX BATTLE WORLD CHAMPIONSHIP
1.2.3.4. Agosto 2018
Astra Kulturhaus, Berlino

Giorno 0

Il campionato inizia una settimana dopo il mio arrivo a Berlino. Ad accogliermi ad Ovest fuori dalla stazione dei treni, nella solare capitale tedesca, sotto un inaspettato caldo cocente pomeridiano, c’è il mio amico Bee Low (organizzatore del campionato mondiale e leggendario writer tedesco) con alcuni beatboxer arrivati come me in anticipo in Germania per godersi un po’ la città prima dell’evento; Two.H arrivato dalla lontana Corea del Sud, Crzku dalla Nuova Zelanda e Yass On dall’Inghilterra. I primi due parteciperanno al campionato, mentre il terzo, con un percorso più simile al mio, lavorerà con me nella fase di produzione dell’evento.

Facciamo un giro per il quartiere in cui vive Bee Low con la sua famiglia praticamente da sempre, da quando, mi racconta, si è avvicinato all’Hip Hop, e camminando mi mostra il citofono della sua vecchia casa in cui nota che è ancora presente il cognome di un suo caro amico d’infanzia, ricorda qualche episodio dei giorni in cui scopriva il Beatbox, i Graffiti e tutta la cultura Hip Hop per l’appunto.

Decidiamo di fermarci sulla riva di un lago nascosto in una zona del quartiere da “ricchi”, dove vivono calciatori storici e vari vip tedeschi. Il lago sembra una di quelle cartoline che raffigurano paesaggi orientali “zen” , ricoperto e colorato da un’infinità di foglie verdi, c’è addirittura qualcuno su una barchetta che naviga tranquillamente. Two.H ne è talmente attratto che si allontana subito dal gruppo per mettersi in solitudine poco lontano e “fare pratica”. Questa particolarità del beatboxer sudcoreano sarà quella che ci rimarrà impressa, e di cui si parlerà per tutti i giorni a seguire. Two.H infatti è solito chiudersi in camera, o è facile vederlo girare da solo a piedi per il quartiere, o meditare in giardino o in qualche parco, totalmente focalizzato sul beatbox e sull’imminente competizione, in pieno stile “Oriente”.

La risposta che darei a tutti quelli che incuriositi sul mondo del beatbox chiedono “Ma come fai? Ma dove hai imparato? Ti ha insegnato qualcuno? La risposta è solo una, e sempre uguale “Practice, bro” .

Bee Low, come dicevo, è conosciuto soprattutto come writer in Germania, dipinge almeno dalla metà degli anni ’80, con la sua crew T2B (TryToBust n.d.r.) il giorno seguente infatti siamo ospiti ad una enorme jam di writing all’esterno dell’Astra Kulturhaus, dove lo stesso Bee Low dipinge, mentre noi ci alterniamo al microfono durante una session di open mic al pomeriggio, prima che l’arrivo di un’inaspettata bufera di vento e pioggia ci rimetta sulla via di casa…

Col passare dei giorni arrivano altri beatboxer da altre nazioni: Canada, Armenia, Russia, Inghilterra, Spagna, Vietnam, Cina, Cile, Egitto, Grecia, Bulgaria, Azerbaigian, U.S.A., Francia, Italia…e chi più ne ha più ne metta. Più di 200 nazioni rappresentate!

E’ un continuo spostarsi in macchina per Berlino da una parte all’altra della città, e sono l’unico a poter guidare, per recuperare materiali in vista dell’evento, merchandising, magliette, flyers, poster, banner…il campanello di casa che continua a suonare ogni 30 minuti con consegne di ogni sorta da parte di sponsor e varie. Enormi spese alla Metro e da Brico dove è chiara l’impronta della globalizzazione, tant’è che gli scaffali sono posizionati esattamente come in Italia!

Una fase preparativa intensa e serrata che ci porta alla fine di ogni giornata belli “cotti” ma soddisfatti. Nel frattempo memorabili cene a base di “Pollo Fritto”, ristoranti Thai dai gusti prelibati e speziati. Ed ogni tanto una pasta asciutta all’Italiana proposta coraggiosamente dal sottoscritto!!!!

Giorno 1

Il primo giorno, giovedì 1 agosto, ci si muove nel cuore di Berlino Est, a pochi metri dall’Astra Kulturahus, luogo dove si terrà il quinto campionato mondiale come dicevo, in una galleria d’arte dove insieme a Bee Low abbiamo allestito una mostra fotografica, con circa ottanta fotografie dei campionati passati con vari protagonisti di ogni edizione, stampate in alta qualità ed incorniciate. Buffo riconoscere facce di giovanissimi beatboxer, prima che diventassero magari campioni del mondo. Nella personale collezione di fotografie di Bee Low, “sgamo” sfogliando, uno scatto fatto a un giovanissimo Alien Dee a Londra nel 2004!

Durante la mostra fotografica, un piccolo set audio composto da due casse e due microfoni dà la possibilità a tutti di esibirsi per qualche minuto e farsi sentire, mentre si osservano le immagini, si beve qualche birra e si festeggia per essersi ritrovati a distanza di qualche anno. Nello stesso posto “formiamo” un gruppo di italiani, tra amici di vecchia data e non, ritrovatici in quel di Berlino…io, Romo, Elisa Melody”, Alberto Albyt, Lady Wake, Harley, Baba. Foto di gruppo e ci diamo l’arrivederci al giorno dopo all’ostello dove dormiranno la maggior parte dei beatboxer.

Giorno 2

Giovedì 2 Agosto è il giorno del check-in /registrazione presso l’ostello di tutti i partecipanti/artisti che ricevono pass, maglia e firmano la liberatoria per le riprese video che verranno fatte durante il campionato. Infatti con il sostegno di Facebook e Youtube Germania, il campionato è stato trasmesso interamente in streaming sul canale BeatboxBattleTV che vanta al momento circa mezzo milione di iscritti. I più attenti non si sono lasciati scappare il Workshop tenuto da Gavin Tyte, beatboxer inglese primo al mondo a pubblicare dei tutorial sul noto portale HumanBeatbox.com e che ha inventato da qualche anno un metodo/linguaggio per insegnare quest’arte in tutto il mondo ed in tutte le lingue, dal nome “Bzzkt” (facebook.com/bzzktt).

Nello stesso ostello, il giorno prima dell’inizio della fase eliminatoria dall’evento, una grande Jam Session/Open Mic aperta a tutti dà la possibilità alla community internazionale di compattarsi, conoscersi, ritrovarsi con i beatboxer storici e con i nuovi. Mentre all’esterno dell’ostello un gruppo di beatboxer americani intona un fiero ed orgoglioso coro “iuuu es eiii, iuuu es eiii” al quale rispondono i francesi con un altro coro come a dire “hey guardate che i migliori siamo noi”, finché ci avviciniamo tutti con giocosa aria di sfida e tutti insieme cominciamo ad urlare “Asia Beatbox, Asia Beatbox, Asia Beatbox!!! “… delirio, risate e presa bene generale, ma soprattutto si avverte quella speciale sensazione di unità tra persone perlopiù sconosciute arrivate da ogni dove, ma che sono già famiglia.

Si ritorna a casa/studio da Bee Low, dove, prima di andare a dormire, c’è ancora tempo per l’ultimo live stream di una serie composta da 100 episodi, iniziata dallo stesso Bee Low 100 giorni prima appunto…e disponibile ancora online sempre su BeatboxBattleTV.

Giorno 3

E’ il primo giorno di eliminatorie, circa 240 beatboxer da tutto il mondo suddivisi in 5 categorie hanno 1 round a disposizione per cercare di passare tra i migliori 16 per la categoria MAN, le migliori 8 per la categoria WOMAN, i migliori 4 per le categorie TAG TEAM (2 vs 2), CREW (4 vs 4 o più) e LOOP STATION.

L’hosting è affidato al leggendario MC Trix (Battle Of The Year) ed al consolidato beatboxer/presentatore Scott Jackson dal Canada. E’ una delle estati più calde di sempre a Berlino, si suda facilmente, sia all’esterno che all’interno dell’Astra Kulturhaus. Il backstage è ben attrezzato con una cucina in funzione continuamente che sforna costantemente pizze, pasta, bevande e quant’altro gratuitamente per i beatboxer che attendono il proprio turno sul palco, si allenano e chiacchierano durante l’attesa cercando di ingannare la tensione. Nel frattempo è possibile seguire la diretta streaming da una Tv che mostra tutto ciò che succede “on stage”, mentre in una stanza adiacente, si susseguono interviste sempre in diretta che danno da fare all’ottima squadra di tecnici video, i quali gestiscono la regia da uno studio allestito appositamente proprio alle spalle del palco principale.

Si alternano i brevi showcase di presentazione dei giudici: Pe4enkata e Skiller dalla Bulgaria, il londinese Reeps One, Tyte sempre dall’Inghilterra, Eklips dalla Francia, Zede e Pepouni dalla Svizzera, Tom Thum dall’Australia, il nostro fratello di vecchia data Roxorloops dal Belgio…

All’esterno sono presenti decine di televisioni locali ed internazionali (Inghilterra, USA in primis) arrivate per documentare l’evento. Si susseguono interviste, aleggiano nell’aria i primi pronostici, ma l’attesa è ancora lunga, le eliminatorie iniziano infatti intorno alle 17 e terminano circa all’una di notte. A rappresentare l’Italia Lady Wake nella sezione WOMAN e NME nella sezione LOOP STATION.

Giorno 4

Finalmente è il giorno delle finalissime, e per ogni categoria si svolgono prima gli ottavi, i quarti e le semifinali. Il livello è molto alto e come spesso accade quando è così, capita di vedere battle che sono “come una finale” e tocca purtroppo rinunciare per forza di cose ad alcuni dei beatboxer più forti in assoluto. Uno di questi è lo stesso Two.H, favoritissimo tra i favoriti nella categoria solo MAN che esce inaspettatamente nella prima fase contro il preparatissimo americano Wunknown.

Il campione del mondo in carica Alem dalla Francia, non riesce a difendere il titolo, e perde contro l’olandese B-Art che volerà in finale. Altro beatboxer tra i favoriti che non accede alla finalissima ed esce contro Alexinho è Napom dall’America, ma che ha già dato il meglio di sé sia nella categoria Tag Team, che nella Crew con la Beatbox House.

La nostra campionessa Lady Wake figura molto bene ma non supera la fase eliminatoria, esce a testa alta e rappresenta col cuore l’Italia. Ottimi anche i round di NME che esce in semifinale contro il francese Saro, attuale campione del mondo in carica per Loop station. La sezione Crew è tra quelle che sicuramente appassiona di più, menzione speciale su tutti il round dei francesi Berywam, superlativi. La Francia regna sovrana: 3 categorie su 5 infatti vengono vinte dai francesi, esempi di presa bene, tecnica e gusto.

Questi quindi i risultati finali del 5° Campionato del mondo di Beatbox:

TAG TEAM
1° Spiderhorse (USA)
2° Mad Twins (RUSSIA)

MAN
1°Alexinho (FRANCIA)
2°B-Art(olo) (OLANDA)

CREW
1°Berywam (FRANCIA)
2°The Beatbox House (USA)

WOMAN
1°Kaila Mullady (USA)
2°Chìwawa (POLONIA)

LOOP STATION
1°Saro (FRANCIA)
2°Inkie (RUSSIA)

Sul canale Youtube BeatboxBattleTV potete trovare i video di tutti i round e non, citati in questo articolo, vengono tutt’ora pubblicati quotidianamente, saranno più di 240 clip.

Le date del prossimo campionato mondiale, il sesto, sono già state annunciate, e saranno il 29/30 Maggio 2020 sempre presso l’Astra Kulturhaus di Berlino.

Mentre per il 2019, in Italia abbiamo in programma il 7°Campionato nazionale ed il 2°Raduno italiano di Beatboxer a Parma, per festeggiare il decennale dallo storico I°Raduno.

Altre belle sorprese verranno svelate nelle prossime settimane sui nostri canali social.

Cari Hip Hop lovers e non, seguiteci e supportate quest’arte in espansione!!!!!

Un super ringraziamento al nostro beatboxer/videomaker Baba da Reggio Emilia, che ci ha regalato il mega video report che trovate sopra, e che come sempre contribuisce in modo prezioso alla community.

ONE LOVE
Danilo/Dhap

ITABEATBOXER
instagram: italian beatbox battle
youtube: itabeatboxers
fb: itabeatboxer

Collaboratori Autore

Collaboratori
Siamo collaboratori e, in quanto tali, collaboriamo. Perchè Gold è fico e vogliamo esser fichi anche noi.

Related

Da Aelle fino a qui, il percorso di Sid

ARTS 4.06.19
Scritto da Mirko Psaiko Monti

INTERVISTA A RUSTO: “LETTERE SENZA TEMPO”

ARTS 12.03.19
Scritto da Salvatore D'Aco

INTERVISTA A EMIS KILLA: “Certe fisse non muoiono mai”

ARTS 18.02.19
Scritto da Salvatore D'Aco